Ungheria migliora in “Doing Business 2015”

L’Ungheria è salita di 4 posizioni nella classifica dello studio “World Bank’s 2015 Doing Business Report” prodotto ogni anno dalla Banca Mondiale valutando la facilità di fare impresa in 189 Paesi di tutto il mondo. L’Ungheria ha guadagnato il 54esimo posto nell’edizione per il 2015, due posizioni sopra l’Italia, che risulta 56esima, e in miglioramento rispetto allo studio 2014 (uscito a ottobre 2013) dove risultava 54esima (l’Italia era invece 52esima).

Il rapporto si basa su 10 parametri: • Avvio d’impresa • Ottenimento delle licenze • Flessibilità del sistema lavorativa • Tutela proprietà intellettuale • Accesso al credito • Protezione dell’investitore • Pagamento delle imposte • Commercio estero • Rispetto dei contratti • Cessazione d’impresa. 

Stando allo studio, le riforme che hanno influito in modo positivo sulla facilità di fare impresa in Ungheria sono “il migliorato accesso al credito ottenuto adottando un nuova legislazione sulle operazioni garantite che sviluppa un approccio funzionale alle transazioni sicure, amplia gli interessi di security a prodotti e proventi dell’attività originaria e stabilisce un moderno registro di garanzia, basato sul preavviso. 

Nella categoria “avvio d’impresa”, l’Ungheria è invece scesa di 33 posti dallo scorso anno fermandosi al 57simo posto nel mondo. La motivazione indicata dalla Banca Mondiale è l’aumento del capitale minimo richiesto per l’avvio di un’impresa (inserito nella legge ungherese proprio per limitare l’eccesso di avvio di attività evitando le cosiddette “scatole vuote”.  Il capitale sociale minimo per costituire una società in Ungheria è oggi pari a 1,5 milioni di HUF, ndr). In questo rispetto può essere interessante osservare le tappe temporali delle norme sulla fondazione di società in Ungheria

2010: l’Ungheria attiva la registrazione online delle nuove attività, semplificando il processo. La registrazione, infatti, può essere confermata un’ora dopo la candidatura. 

2013: comincia l’aumento dei requisiti per formare nuove società in Ungheria con l’aumento delle tariffe di registrazione per le Srl (in Ungheria si chiamano Kft., le Società a Responsabilità Limitata) e con l’introduzione di una nuova tassa di registrazione al momento dell’atto costitutivo.

2014: aumento del capitale sociale minimo.

Top 10

Le prime economie in classifica sono dalla prima alla decima: Singapore, Nuova Zelanda, Hong Kong, Danimarca, Repubblica di Corea, Norvegia, Stati Uniti, Regno Unito, Finlandia e Australia.

Claudia Leporatti 

Redazione Economia.hu

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/