L’Ungheria proroga la moratoria sui prestiti

Come scrive Krisztina Than su Reuters – L’Ungheria estenderà una moratoria sul rimborso dei prestiti per alcune famiglie e aziende fino alla metà del 2021, poiché il suo ministro delle finanze ha avvertito che l’economia potrebbe lottare per crescere il prossimo anno a meno che non venga trovato un vaccino contro il coronavirus.

Il primo ministro Viktor Orbán ha introdotto la moratoria per tutte le società e i mutuatari privati ​​a marzo come una delle misure chiave del suo governo per aiutare a ridurre le ricadute economiche della pandemia. Doveva scadere alla fine dell’anno.

https://www.facebook.com/watch/?v=331889131472644&extid=9aRUIUlDvcSJjZ65

In un video pubblicato sabato sulla sua pagina Facebook ufficiale, Orbàn ha detto che la moratoria, introdotta per alleviare gli effetti economici negativi della pandemia di coronavirus, sarebbe stata prorogata di sei mesi per le famiglie con bambini, i pensionati, i disoccupati e coloro che partecipano a programmi di lavori pubblici.

L’opt-in per la moratoria sarà automatico per le categoria sopracitate, ma le imprese le cui entrate sono diminuite di oltre il 25% dovranno contattare le loro banche per usufruire dell’estensione.

Ha aggiunto che il governo proibirà anche alle banche di annullare per sei mesi qualsiasi contratto di prestito pre-crisi al dettaglio o aziendale, imponendo effettivamente ai prestatori di ristrutturare il credito dei mutuatari in difficoltà che non sono coperti dalla moratoria estesa.

Il Primo Ministro ha notato che 1,6 milioni di famiglie e 60.000 imprese stanno usufruendo della moratoria, che originariamente doveva scadere alla fine dell’anno, lasciandoli con circa 2 trilioni di HUF.

Lo ha annunciato Orbán dopo una riunione del Corpo operativo di difesa economica, istituito per coordinare la risposta economica dell’Ungheria alla crisi del coronavirus.

Fonte: Orbán Viktor Facebook |  Economic Defence Operative Corps

Le mosse arrivano mentre il governo si prepara ad annunciare ulteriori misure per cercare di rilanciare la crescita, dopo che l’economia è crollata più del previsto nel secondo trimestre e le prospettive di ripresa il prossimo anno sono peggiorate.

Le prospettive economiche sono incerte

Le prospettive economiche deboli potrebbero rappresentare la più grande minaccia al governo di Orbán nell’affrontare le elezioni parlamentari nella prima metà del 2022.

Il ministro delle finanze Mihaly Varga ha dichiarato in un’intervista pubblicata sabato scorso che se un vaccino contro il coronavirus non fosse disponibile entro la metà del 2021 l’economia potrebbe lottare per crescere il prossimo anno, sulla base di uno scenario pessimistico.

In uno scenario ottimistico, l’economia potrebbe crescere del 4-5% se un vaccino fosse disponibile nel secondo trimestre, ha detto al quotidiano Magyar Nemzet.

Un terzo scenario era per un recupero prolungato con una crescita del 3% -4%, anche a condizione che fosse disponibile un vaccino, ha aggiunto.

L’economia ungherese dovrebbe ridursi del 5% -6% quest’anno.Varga ha detto che il governo sta lavorando a nuove misure di stimolo che potrebbero includere tagli fiscali mirati per i settori colpiti dalla crisi.

Dopo un picco di nuovi casi nelle ultime settimane, sabato l’Ungheria ha segnalato 809 nuove infezioni da coronavirus, portando il totale a 16.920, con 675 morti.

Fonte: Reuters | bbj.hu

ARTICOLI RECENTI


Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/