Ungheria: restrizioni e coprifuoco prorogate all’11 gennaio

Stamattina Viktor Orbán e il Ministro della Salute all’incontro del Comitato Operativo ungherese hanno annunciato il prolungamento delle misure restrittive fino all’11 Gennaio 2021, senza eccezioni per Natale o Capodanno. Le regole per le vacanze di Natale verranno decise il 21 dicembre.

L’attuale coprifuoco rimarrà in vigore fino all’11 gennaio 2021, tra le 20:00 e le 5:00.

fonte:Pagina Facebook di Orbán

C’è ancora il coprifuoco tra le  20:00 e le 5:00, tutti devono tornare a casa entro le 20:00. Un caso di esenzione dal coprifuoco è il lavoro, che però deve essere giustificato. 

Certificato di esempio:  https://koronavirus.gov.hu/cikkek/kijarasi-tilalom-alatti-munkavegzesrol-szolo-igazolas-letoltheto-igazolas-minta

Nei negozi di alimentari, farmacie, drogherie, il fuso orario della spesa protetta per anziani è aperto dalle 9.00 alle 11.00 nei giorni feriali e dalle 8.00 alle 10.00 nei fine settimana,  quando nei negozi possono entrare solo gli over 65  Tuttavia, è anche importante sapere che gli anziani possono fare acquisti in altri orari al di fuori del fuso orario dello shopping protetto.

I negozi – ad eccezione delle farmacie e dei distributori di benzina – possono rimanere aperti fino alle 19.00  e successivamente scade il coprifuoco, quindi possono aprire al più presto alle 5.00. I fornitori di servizi e i servizi non menzionati nel regolamento (ad esempio, parrucchieri e personal trainer) possono operare normalmente secondo le regole del coprifuoco.

Aggiornamento sul coronavirus in Ungheria al 7 Dicembre 2020

254.148 casi confermati di COVID-19 al 7 Dicembre 2020

Il numero di persone confermate infette dal coronavirus in Ungheria è ora pari a 254.148. In quarantena domestica obbligatoria: 51.485. Recuperati: 74.283. Deceduto: 5.984.

Dopo che l’ufficiale medico capo nazionale Cecília Müller ha annunciato lunedì in una conferenza stampa del tribunale operativo che Viktor Orbán avrebbe annunciato le regole per il periodo natalizio, il primo ministro ha parlato per la prima volta in un video pubblicato sulla sua pagina Facebook che il coronavirus noi sono in una lotta. Negli ospedali, medici e infermieri si battono per i pazienti e a scuola gli educatori lavorano per aiutare i genitori dei bambini a salvare il lavoro, ha detto.

Il numero totale di casi COVID-19 attivi è 173.881. I risultati mostrano che il 19% delle persone infette, il 22% dei deceduti e il 24% di coloro che sono guariti vive a Budapest. Attualmente sono 7.932 i pazienti ricoverati con il coronavirus, 674 dei quali in ventilazione.

Ecco perché é stato deciso lunedì mattina di mantenere misure rigorose.

“L’attuale coprifuoco e misure rigorose rimarranno in vigore fino all’11 gennaio, questo significa che c’è ancora un coprifuoco tra le 20 e le 5  ,

ha annunciato Viktor Orbán. Se la vigilia di Natale può fare un’eccezione sarà deciso solo il 21 dicembre, “alla luce delle condizioni in quel momento , ha aggiunto.

 D’altra parte, è certo che il 31 dicembre non ci saranno eccezioni, quest’anno non si possono fare feste di Capodanno e balli di strada “ .

– ha detto il Presidente del Consiglio, il quale ha detto che per una bella festa non vale la pena rischiare tutto quello per cui abbiamo lavorato così tanto insieme.

Misure restrittive in vigore

  • Il coprifuoco è stato introdotto tra le 20 e le 5 del mattino, solo chi si muove per andare a lavorare viene esonerato, e tale certificato viene rilasciato in casi eccezionali.
  • Tutti gli eventi sono vietati.
  • I ristoranti sono chiusi, è possibile solo la consegna a domicilio, le mense aziendali possono essere mantenute aperte.
  • Negozi e parrucchieri chiudono alle 19:00.
  • Fino a 10 persone possono prendere parte a riunioni di famiglia ed eventi privatati.
  • Nelle scuole superiori, oltre l’ottavo anno, l’istruzione é online.
  • Gli asili nido, gli asili e le scuole primarie sono rimasti aperti ai minori di 14 anni.
  • Lavoratori ospedalieri, asili nido, scuole materne e lavoratori scolastici vengono “testati” settimanalmente, anche se è noto che il test rapido fornisce risultati con solo il 50-60% di sicurezza.
  • I matrimoni sono possibili solo alla presenza di testimoni, genitori e fratelli sia alle cerimonie civili che in chiesa.
  • Possono partecipare al funerale fino a cinquanta persone.
  • Le partite sportive possono essere tenute dietro cancelli chiusi.
  • Gli sport all’aperto sono consentiti, ma gli sport di squadra amatoriali sono vietati.
  • Le strutture ricreative, le sale fitness, le piscine coperte, i teatri, i musei e gli zoo devono essere tenuti chiusi.
  • Per gli hotel, le prenotazioni ricevute entro l’8 novembre, ovvero l’80% di esse, vengono rimborsate dallo Stato nei primi trenta giorni dopo la chiusura, a condizione che i lavoratori dell’hotel non vengano licenziati e vengano pagati.
  • I ristoranti e le strutture per il tempo libero non devono pagare i contributi per i primi 30 giorni di chiusura e lo Stato rimborsa la metà della retribuzione dei lavoratori – subordinato al mancato licenziamento e alla retribuzione dei lavoratori.

Fonte: Orbán Facebook page | Telex

ARTICOLI RECENTI

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/