Vincitore appalto per Museo Belle Arti di Budapest

Sarà un’azienda ungherese ad occuparsi dei lavori di restauro del Museo delle Belle Arti di Budapest.

Il vincitore dell’appalto pubblico, come divulgato dal sito della  Gazzetta Ufficiale, si è aggiudicato la ricostruzione della cosiddetta “Sala romana” del Museo delle Belle Arti di Piazza degli Eroi e la realizzazione delle altre parti del progetto, per il quale la struttura è chiusa già da quasi 10 mesi, con riapertura prevista nel 2018.

Si tratta della Magyar Építõ, che ha presentato la migliore offerta, pari a circa 19,5 milioni di euro, per realizzare l’opera. Il progetto prevede anche il rinnovo di altre parti dell’edificio, la sostituzione gli impianti elettrici con sistemi a risparmio energetico, e l’installazione di nuovi ascensori.

I lavori di ricostruzione del Museo, che ha chiuso i battenti al pubblico il 14 febbraio scorso, sono stati avviati nel mese di febbraio e saranno completati entro la primavera del 2018.

Fondata nel 1889 come sussidiaria del gruppo Ganz (con ricostituzione nel 1992 dopo il socialismo), Magyar Építõ, è una delle più antiche aziende ungheresi nel settore costruzioni. Vincitrice di numerosi premi, il suo nome si lega a numerosi progetti a Budapest e non solo. Tra questi il Terminal 1 dell’Aeroporto di Budapest, il rinnovo della Chiesa di Mattia a Buda e quello del Mercato Centrale di Budapest, il Corinthia Grand Hotel Royal, il Cinema Puskin, la fabbrica della Richter Gedeon, l’Infopark di Buda, i centri commerciali Mammut I e II, il Mom Park, le sedi di alcune banche, diversi edifici dell’università ELTE, mercati e sedi ospedaliere in vari centri del Paese. 

Claudia Leporatti

Redazione

La Redazione di Econiomia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor in chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/chi-siamo/